Che differenza c'e' tra Landing page lunga o corta? Cos'è meglio per me?

 

Una landing page corta è una pagina che dispone tutti gli elementi principali (Unique Selling Proposition, Vantaggi, Call to action o Modulo di contatto o iscrizione) direttamente nell'area Above the fold, ovvero lo spazio che viene visualizzato in un monitor medio (1280x800px) senza scorrere la pagina.

Una landing page lunga invece si sviluppa in modo più articolato e si suddivide 6 step progressivi, raggruppabili in due macro aree principali, Attrerraggio e Conversione.

Nella fase di Atterraggio deve:

    1. Individuare il PROBLEMA dello specifico segmento di mercato a cui si rivolge la nostra offerta (che non può quindi essere "adatta a tutti").

    2. Deve ATTIRARE l'attenzione spiegandosi a colpo d'occhio grazie ad un'immagine in cui il target si può identificare e ad una unique selling proposition chiara;

    3. Deve creare INTERESSE verso il prodotto/servizio proposto che deve essere presentato come una valida soluzione al problema dell'utente.

Nella fase di Conversione deve invece:

  1. Deve ispirare FIDUCIA attorno all'azienda che promuove l'offerta attraverso testimonials ed elementi che riducono nell'utente la percezione di rischio.

  2. Deve creare DESIDERIO, quindi non solo verso il prodotto/servizio proposto ma verso la soluzione che offrite voi. Per questo fine si utilizzano i vostri plus specifici e gli elementi di trust, ovvero cose che vi rendono credibile e affidabile.

  3. Deve persuadere all'AZIONE presentando un'offerta vantaggiosa (in genere a tempo, con il counter) e tutte le forme di contatto (modulo, telefono, chat, piccione viaggiatore).

Deve infine recuperare gli utenti che non sono convinti, cercando di dirottarli da qualche parte (qualsiasi cosa pur di evitare il tasto indietro del browser). E' per questo motivo che nel footer vengono esposte informazioni relative alla società (con eventuali link in uscita) e le last call: sono le ultime chance per recuperare un utente che va oltre al form senza compilarlo.

landing page meglio lunga o corta

 

Rileggendo questa introduzione potrebbe sembrare che una landing page lunga sia più complessa e lunga da realizzare, ma non è sempre vero. Una landing corta deve contenere comunque questi elementi, solo in meno spazio... quindi il lavoro è addirittura più complesso e spesso sono necessari test e prove per capire COSA lasciare fuori dall'Above the fold.

L'idea che deve passare è che la scelta di una landing corta non deve essere motivata dal risparmio di lavoro, soldi o tempo. Scegliamo di sviluppare una landing page corta quando è funzionale al progetto e al tipo di conversione che cerchiamo di perseguire. Il miglior risparmio è il ritorno sull'investimento.

 

Quando posso usare  meglio una landing page corta?

Dipende dal tipo di offerta, dalle barriere di entrata al servizio, da quanto gli utenti sono profilati e dallo stato emotivo in cui si trovano quando arrivano alla landing page.

Se il servizio è davvero molto interessante e la conversione non rappresenta un impegno per l'utente può bastare una landing page above the fold, ma in genere si corre sempre il rischio di attirare conversioni di persone che non sono perfettamente in target con il nostro servizio e che avranno bisogno di più lavoro per essere formate e motivate all'acquisto.

Per questo motivo, spesso, le landing page corte si associano a campagne di email marketing automation, così da da delegare a meccanismi automatici la scrematura dei lead di qualità troppo bassa.

Dal momento che non vendo lead e la qualità dei contatti ricevuti è sempre importante per i miei utenti realizzo raramente pagine corte, ma mi è capitato.

Ad esempio ho realizzato una landing page corta per:

  • Una agenzia immobiliare che voleva ottenere immobili da vendere e che promuoveva i suoi servizi a Zero commissioni per il venditore (nessun rischio o barriera d'entrata)
  • Un operatore turistico tedesco che gestisce case vacanze sul lago di Como per recuperare utenti che avevano già visto la pagina lunga attraverso il remarketing (si pubblicizzava un'offerta limitata molto vantaggiosa).
  • Una scuola privata che si offriva di farti recuperare gli anni scolatici persi (si sfruttava l'urgenza e l'avversione alla perdita).
  • Il mio stesso sito, in cui offrivo il download di un whitepaper o di un ebook pu&ograve in cambio dell'email (basso impegno).

Ottenere risultati con una landing page corta è possibile, ma ovviamente solo a determinate condizioni... per questo bisognerebbe scegliere che tipo di pagina utilizzare con la dovuta attenzione e seguendo i consigli di chi ha esperienza.

Alcuni esempi di landing page corte:

landing page corta - impresa edile landing page corta - agenzia immobiliare landing page corta - agenzia immobiliare landing page corta - tour operator

Ovviamente in rete troverai un sacco di articoli che ti diranno con sicurezza se è meglio una landing page lunga o corta ma la verità è che non puoi MAI prendere un consiglio generale e applicarlo al tuo caso specifico e la migliore risposta che ti può dare chi non analizza in profondità il tuo caso è "DIPENDE".

In linea generale, se proprio devi buttarti, una landing page lunga ha più probabilità di dare all'utente tutte le informazioni di cui ha bisogno, rimuovendo ogni suo dubbio alla conversione, ma perché buttarti?

Quando parleremo insieme del tuo progetto valuteremo se è meglio optare per una soluzione o l'altra (se vuoi chiamarmi ora il mio numero diretto è 329 4534340).

Vuoi una landing page efficace?